mercoledì 19 luglio 2017

Oggi andiamo... Cartolina da Firenze

I miei genitori non sono mai stati grandi viaggiatori. Si andava al mare in estate quello sì perché "cambiare aria fa bene alla bambina", che sarei stata poi io. Ma il resto dell’anno lo passavamo nel nostro paesello in montagna o nei dintorni a trovare qualche parente, a sbrigare qualche faccenda, ma sempre in Toscana. Capitava così che qualche volta si andasse a Firenze. A me quei viaggi piacevano molto perché dal finestrino vedevo scorrere la campagna toscana che è uno dei paesaggi, che ancora adesso, mi piace di più. A Firenze non si andava mai per ragioni "culturali" o per attività in cui io mi sarei sentita protagonista, ai miei tempi i bambini facevano i bambini, non c’erano "attività per bambini" o "cose da fare a Firenze con i bambini" c’erano le cose che dovevano fare i grandi e che io figlia dovevo seguire in silenzio possibilmente, la ricompensa poi sarebbe stata un gelato o un pezzo di schiaccia al massimo. Ma era bello così. Perché c’era un momento in quelle gite a Firenze che io adoravo, era il momento in cui prima di tornare a casa si andava in piazzale Michelangelo. Per chi non conosce Firenze, piazzale Michelangelo è un piazzale a cui si accede dai lungarni tramite una scalinata, resta rialzato rispetto alla città ed è un ottimo punto per osservare Firenze, che è meravigliosa, dall’alto. Adesso è di gran moda andare in piazzale Michelangelo a osservare il tramonto, ho visto un video l’altro giorno in cui le gradinate erano piene di gente e addirittura c’era un gruppo che suonava! Ma provate a immaginarvelo nei primi anni ‘80, a parte che il piazzale era un parcheggio, ma poi intorno era anche abbastanza degradato, insomma era una di quelle zone poco turistiche abbastanza vicino al centro, ritrovo dopo il tramonto di coppiette e tossicodipendenti. Però a me e a mio babbo piaceva. Ne subivamo il fascino. E così prima di partire per tornare a casa ci si fermava a "salutare Firenze". Ricordo che c’era sempre un furgoncino di questi con le caramelle, il torrone e i brigidini di Lamporecchio e noi si comprava un cartoccetto di noccioline a volte quelle col guscio a volte quelle glassate con lo zucchero e si mangiavano in silenzio mentre si guardava Firenze colorarsi di arancio e crema mentre il sole spariva sulla nostra giornata di gita. Negli anni fortunatamente il piazzale è stato recuperato e rivalutato e anche i giardini intorno sono tenuti meglio perché è un bellissimo posto e ancora oggi per me è impensabile andare a Firenze e non salutarla da lassù.

lunedì 10 aprile 2017

Oggi andiamo... A teatro

Un viaggio non deve essere per forza "fisico". Si può viaggiare anche con la fantasia, con i sentimenti. La musica, il teatro, l'arte in generale per me è sinonimo di "viaggio". Ci permette infatti di aprirci ai nostri sentimenti, di immergerci per qualche minuto o per qualche ora in realtà diverse, ci apre porte nel cervello e nel cuore che altrimenti resterebbero chiuse. Ieri ho portato le bimbe a teatro a vedere "Pinocchio", un bellissimo musical messo in scena dalla compagnia teatrale "Gli sfacciati" di Acquapendente, su musiche dei Pooh. Lo spettacolo era veramente bello e gli attori molto bravi, ma la cosa migliore è stato leggere le emozioni nei visi delle mie bimbe. Dallo stupore di trovarsi in un "teatro vero", alla meraviglia di poter assistere ad una storia, letta tante volte come Pinocchio, trasformata in musica e ballo. Risate, angoscia, tristezza, gioia, hanno attraversato i loro visini in quasi tre ore di spettacolo. E' stato veramente un viaggio emozionante!

venerdì 17 marzo 2017

Oggi andiamo… A superare i nostri limiti

È proprio così che è andata. Hey Cate dove te ne vai questo fine settimana? All’Abetone mamma. Perché? A fare la gara. Una gara??? Certo, una gara di sci, dai mamma, te l’avevo detto no? E così venerdì sei partita e Domenica hai fatto la tua prima gara di sci, 7° toscana, al telefono mi hai detto: mamma tutto bene! Sono arrivata fino alla fine!

Infatti. Fino alla fine. Perché tu sei così: se parti sta pur certa che arrivi, dovessi cadere e rialzarti 10 volte. Non sei di quelle che si perdono per strada. Se dici una cosa, è quella. E io sono così orgogliosa di te. Ma non per la gara, né per la classifica. Sono orgogliosa di te per questo tuo carattere, per la tua forza, per il tuo pensare alle cose, perché non sei mai stata una che si butta nelle cose e poi si tira indietro, tu pensi, pensi molto e quando poi parti arrivi fino in fondo. E così hai aggiunto un altro mattoncino alla tua personalità, un altro passo nel viaggio della crescita.

venerdì 24 febbraio 2017

Perché: Dove andiamo oggi?

Se avessi 1euro per tutte le volte che la PiccolaPeste ha pronunciato la frase "Dove andiamo oggi?" a quest’ora… No, non sarei milionaria, ma qualche migliaia di euro da parte le avrei. È che lei è così: curiosa, instancabile, indomabile. Ricordo ancora quando all’età di 18 mesi la portammo in un bellissimo resort in Sardegna, di quelle vacanze che quando le prenoti dici "mi è costata un occhio ma cavolo mi voglio proprio rilassare!", il terzo giorno dopo che aveva esplorato ogni singolo angolo del villaggio e della spiaggia annessa, dopo colazione ci guarda e ci fa "Dove andiamo oggi?". Il panico. Vagli a spiegare che eravamo a 40 minuti d’auto dal primo centro abitato e dovevamo star lì a goderci il sole, il mare, a fare castelli e raccogliere conchiglie… Lei ci guardava e annuiva e poi "Sì, ho capito, ma poi… dove andiamo?". Ecco. Appunto.
Con l’andare del tempo ho capito che dietro quella richiesta c’era la sua infinita curiosità, mista al suo temperamento agitato per cui proprio non può stare ferma in un posto più di due minuti di fila. E così un po’ per gioco un po’ per necessità ho cominciato ad assecondare le sue richieste e pur non potendoci permettere di stare sempre in viaggio, ho sempre cercato di far "viaggiare" lei, e adesso anche sua sorella, un po’ fisicamente e un po’ con la fantasia. Finché i nostri viaggi non sono diventati così tanti e così divertenti da sentire la necessità di scriverli. E così nasce il nuovo Mela_Blog… Dove andiamo oggi?